Spedizioni GRATUITE a partire da € 39,90
I tempi di consegna potrebbero subire alcuni ritardi a causa delle numerose richieste che i Corrieri stanno evadendo
SPEDIZIONI GRATUITE
a partire da 39,90 €
consegna 24/72H in Italia
Il tuo carrello (0)

Riepilogo carrello

Il tuo carrello è vuoto

Prodotti nel carrello: 0
Totale prodotti: € 0,00

Prosegui al carrello

EMICRANIA E MAL DI TESTA

MOMENTACT 10CPS MOLLI 400MG
Sconto 22%

ANGELINI SpA

MOMENTACT 10CPS MOLLI 400MG

MOMENTACT 400 MG CAPSULE MOLLI Farmaci antiinfiammatori/antireumatici, non steroidei. Ibuprofene 400 mg. Macrogol 600, potassio idrossido, gelatina, sorbitolo liquido parzialm ente disidratato, acqua depurata, ponceau 4R (E124) , lecitina, olio d i cocco frazionato. Negli adulti e negli adolescenti di eta' superiore ai 12 anni. Dolori di varia origine e natura (mal di testa, mal di denti, nevralgie, dolo ri osteo-articolari e muscolari, dolori mestruali). Coadiuvante nel tr attamento sintomatico degli stati febbrili e influenzali. Ipersensibilita' al principio attivo, ad altri antireumatici o ad uno qualsiasi degli eccipienti. Non somministrare ai bambini di eta' infer iore a 12 anni. Ibuprofene e' controindicato durante il terzo trimestr e di gravidanza e durante l'allattamento. Ulcera gastroduodenale attiv a o grave o altre gastropatie. Storia di emorragia gastrointestinale o perforazione relativa a precedenti trattamenti attivi o storia di emo rragia/ulcera peptica ricorrente. Insufficienza epatica o renale grave . Insufficienza cardiaca severa. Severa disidratazione. Adulti e adolescenti oltre i 12 anni: 1 capsula 2-3 volte al giorno. N on superare la dose di 3 capsule al giorno. Gli effetti indesiderati p ossono essere minimizzati con l'uso della dose minima efficace per la durata di trattamento piu' breve possibile necessaria per controllare i sintomi. Nel caso l'uso del medicinale sia necessario per piu' di 3 giorni negli adolescenti, o nel caso di peggioramento della sintomatol ogia, rivalutare la terapia. Non superare le dosi consigliate. Anziani : usare con particolare cautela nei pazienti anziani che sono piu' inc lini a eventi avversi e sono ad aumentato rischio di emorragia gastroi ntestinale potenzialmente fatale, ulcerazione o perforazione. Se il tr attamento e' considerato necessario deve essere usata la piu' bassa do se per la piu' breve durata necessaria per il controllo dei sintomi. I nsufficienza renale: nei pazienti con lieve o moderata riduzione della funzione renale, il dosaggio deve essere mantenuto il piu' basso poss ibile per la piu' breve durata necessaria a controllare i sintomi e la funzione renale deve essere monitorata. Insufficienza epatica: nei pa zienti con lieve o moderata riduzione della funzionalita' epatica, il dosaggio deve essere mantenuto il piu' basso possibile per la piu' bre ve durata necessaria a controllare i sintomi e la funzione epatica dev e essere monitorata. Il farmaco e' controindicato nei pazienti con gra ve insufficienza epatica. Il mmedicinale e' controindicato nei bambini di eta' inferiore ai 12 anni. E' possibile assumere il medicinale a s tomaco vuoto. Nei soggetti con problemi di tollerabilita' gastrica, e' preferibile assumere il medicinale a stomaco pieno. Conservare a temperatura inferiore a 25 gradi C. Il farmaco e' sconsigliato nelle donne che intendano iniziare una grav idanza. La somministrazione dovrebbe essere sospesa nelle donne che ha nno problemi di fertilita' o che sono sottoposte a indagini sulla fert ilita'. I pazienti anziani hanno un aumento della frequenza di reazion i avverse ai FANS. Cautela e' richiesta prima di iniziare il trattamen to nei pazienti con anamnesi positiva per ipertensione e/o insufficien za cardiaca poiche' in associazione al trattamento con i FANS sono sta ti riscontrati ritenzione di liquidi, ipertensione ed edema. I FANS po ssono ridurre l'effetto dei diuretici, a di altri farmaci antiipertens ivi. L'uso di ibuprofene, puo' essere associato a un modesto aumento d el rischio di eventi trombotici arteriosi. I pazienti con ipertensione non controllata, insufficienza cardiaca congestizia, cardiopatia isch emica accertata, malattia arteriosa periferica e/o malattia cerebrovas colare devono essere trattati con ibuprofene soltanto dopo attenta con siderazione e si devono evitare dosi elevate. Attenta considerazione d eve essere esercitata anche prima di avviare al trattamento a lungo te rmine i pazienti con fattori di rischio per eventi cardiovascolari, so prattutto se sono necessarie dosi elevate. I pazienti con ipertensione non controllata, insufficienza cardiaca congestizia, cardiopatia isch emica accertata, malattia arteriosa periferica e/o malattia cerebrovas colare devono essere trattati con ibuprofene soltanto dopo attenta val utazione. Analoghe considerazioni devono essere effettuate prima di in iziare un trattamento di lunga durata in pazienti con fattori di risch io per eventi cardiovascolari: Il medicinale deve essere evitato in co ncomitanza di FANS. Durante il trattamento con tutti i FANS, sono stat e riportate emorragia gastrointestinale, ulcerazione e perforazione, c he possono essere fatali. Negli anziani e in pazienti con storia di ul cera, il rischio di emorragia gastrointestinale, ulcerazione o perfora zione e' piu' alto con dosi aumentate di FANS. L'uso concomitante di a genti protettori deve essere considerato per questi pazienti e anche p er pazienti che assumono basse dosi di acido acetilsalicilico o altri farmaci che possono aumentare il rischio di eventi gastrointestinali. Pazienti con storia di tossicita' gastrointestinale, devono riferire q ualsiasi sintomo gastrointestinale inusuale. Controllare attentamente i pazienti che assumono farmaci concomitanti che potrebbero aumentare il rischio di ulcerazione o emorragia, come corticosteroidi orali, ant icoagulanti come warfarin, inibitori selettivi del reuptake della sero tonina (SSRI) o agenti antiaggreganti come l'acido acetilsalicilico. Q uando si verifica emorragia o ulcerazione gastrointestinale, il tratta mento deve essere sospeso. I FANS devono essere somministrati con caut ela nei pazienti con una storia di malattia gastrointestinale poiche' tali condizioni possono essere esacerbate. Molto raramente sono state riportate gravi reazioni cutanee alcune delle quali fatali, includenti dermatite esfoliativa, sindrome di Stevens-Johnson e necrolisi tossic a epidermica. Il trattamento deve essere interrotto alla prima compars a di rash cutaneo, lesioni della mucosa o qualsiasi altro segno di ipe rsensibilita' nonche' se si manifestano disturbi visivi o segni persis tenti di disfunzione epatica. Quando si inizia un trattamento con ibup rofene deve essere prestata cautela ai pazienti con una disidratazione considerevole. Ibuprofene puo' causare ritenzione idrica e di sodio, potassio in pazienti che non hanno mai sofferto di disturbi renali a c ausa dei suoi effetti sulla perfusione renale. L'utilizzo a lungo term ine di ibuprofene, ha portato a necrosi papillare renale ed altre alte razioni patologiche renali. In generale, l'uso abituale di analgesici, soprattutto delle associazioni di diversi principi attivi analgesici, puo' portare a lesioni renali permanenti, con rischio di insorgenza d i insufficienza renale. E' stata riscontrata tossicita' renale in pazi enti nei quali le prostaglandine renali hanno un ruolo compensatorio n el mantenimento della perfusione renale. La somministrazione di FANS i n questi pazienti puo' comportare una riduzione dose-dipendente nella formazione delle prostaglandine e, come effetto secondario, del flusso sanguigno renale che puo' condurre velocemente a scompenso renale. Ne gli adolescenti disidratati esiste il rischio di alterazione della fun zionalita' renale. In caso di impiego prolungato sorvegliare la funzio nalita' renale particolarmente in caso di lupus eritematoso diffuso. I l medicinale deve essere prescritto con cautela in pazienti con asma b ronchiale, rinite cronica, polipi nasali, sinusite o malattie allergic he in atto o pregresse perche' potrebbe insorgere broncospasmo, ortica ria e angioedema. Lo stesso dicasi per quei soggetti che hanno manifes tato broncospasmo dopo l'impiego di acido acetilsalicilico o altri FAN S. Gli analgesici, antipiretici, FANS, possono causare reazioni di ipe rsensibilita', potenzialmente gravi, anche in soggetti non precedentem ente esposti a questo tipo di farmaci. Il rischio di reazioni di ipers ensibilita' e' maggiore nei soggetti che abbiano presentato tali reazi oni dopo l'uso di altri analgesici, antipiretici, FANS e nei soggetti con iperreattivita' bronchiale, febbre da fieno, poliposi nasale o mal attie respiratorie croniche ostruttive o precedenti episodi di angioed ema. Le reazioni di ipersensibilita' possono presentarsi sotto forma d i attacchi d'asma, edema di Quincke o orticaria. Reazioni di ipersensi bilita' gravi sono state osservate raramente. Ai primi segni di reazio ne di ipersensibilita' il trattamento deve essere interrotto. Misure m edicalmente assistite devono essere iniziate da parte di personale med ico specializzato, in linea con la sintomatologia. Particolare cautela deve essere adottata nel trattamento di pazienti con funzionalita' ca rdiaca, epatica o renale ridotta. L'abituale utilizzo concomitante di diversi antidolorifici puo' ulteriormente aumentare tale rischio. Nei pazienti con funzionalita' cardiaca, epatica o renale ridotta e' oppor tuno ricorrere alla piu' bassa dose efficace per il piu' breve periodo di trattamento ed al monitoraggio periodico dei parametri clinici e d i laboratorio. Ibuprofene, puo' inibire l'aggregazione piastrinica e h a dato evidenza di prolungare il tempo di sanguinamento in soggetti sa ni. Pertanto, i pazienti con difetti della coagulazione o in terapia a nticoagulante devono essere osservati attentamente. In rare occasioni sono stati osservati sintomi di meningite asettica. Si raccomanda, in caso di trattamenti prolungati, di effettuare periodici controlli ofta lmologici. Il consumo di alcol deve essere evitato in quanto puo' inte nsificare gli effetti collaterali dei FANS. L'ibuprofene puo' maschera re i segni o sintomi di infezione. Contiene sorbitolo. L'ibuprofene deve essere assunto con cautela in combinazione con le so stanze elencate di seguito. Corticosteroidi: aumento del rischio di ul cerazione o emorragia gastrointestinale. Anticoagulanti: i FANS posson o aumentare gli effetti degli anticoagulanti, come il warfarin o l'epa rina. In caso di trattamento concomitante, si raccomanda il monitoragg io dello stato della coagulazione. Inibitori della cicloossigenasi-2 ( COX-2) e altri FANS: queste sostanze possono far aumentare il rischio di reazioni avverse a carico del tratto gastrointestinale. E' opportun o non associare ibuprofene con altri FANS, inclusi gli inibitori selet tivi della COX-2, per potenziale effetto additivo. Acido acetilsalicil ico: la somministrazione concomitante non e' generalmente raccomandata a causa del potenziale aumento di effetti indesiderati. Dati sperimen tali suggeriscono che l'ibuprofene puo' inibire competitivamente l'eff etto dell'acido acetilsalicilico a basse dosi sull'aggregazione piastr inica quando i due farmaci vengono somministrati contemporaneamente. S ebbene vi siano incertezze riguardanti l'estrapolazione di questi dati alla situazione clinica, non si puo' escludere la possibilita' che l' uso regolare, a lungo termine di ibuprofene possa ridurre l'effetto ca rdioprotettivo dell'acido acetilsalicilico a basse dosi. Nessun effett o clinico rilevante e' considerato probabile in seguito a un uso occas ionale di ibuprofene. Agenti antiaggreganti e inibitori selettivi dell a ricaptazione della serotonina (SSRIs): aumento del rischio di emorra gia gastrointestinale. Diuretici, ACE inibitori, beta bloccanti e anta gonisti dell'angiotensina II: i FANS possono ridurre l'effetto dei diu retici e di altri farmaci antiipertensivi. I diuretici possono anche a umentare il rischio di nefrotossicita' associata ai FANS. In alcuni pa zienti con funzione renale compromessa la co-somministrazione di un AC E inibitore o di un antagonista dell'angiotensina II e di agenti che i nibiscono il sistema della ciclo-ossigenasi puo' portare a un ulterior e deterioramento della funzione renale, che comprende una possibile in sufficienza renale acuta, generalmente reversibile. Queste interazioni devono essere considerate in pazienti che assumono il farmaco in conc omitanza con ACE inibitori o antagonisti dell'angiotensina II. Quindi, la combinazione deve essere somministrata con cautela, specialmente n ei pazienti anziani. I pazienti devono essere adeguatamente idratati e deve essere preso in considerazione il monitoraggio della funzione re nale dopo l'inizio della terapia concomitante e nei periodi successivi . La somministrazione concomitante di ibuprofene e fenitoina o prepara zioni di litio puo' determinare una ridotta eliminazione di questi med icinali con conseguente aumento dei loro livelli plasmatici con possib ilita' di raggiungimento della soglia tossica. Qualora tale associazio ne sia ritenuta necessaria si raccomanda il monitoraggio dei livelli p lasmatici di fenitoina e litio allo scopo di adattare la posologia ade guata durante il trattamento contemporaneo con ibuprofene. Metotrexato : i FANS possono inibire la secrezione tubulare del metotrexato e alcu ne interazioni metaboliche possono verificarsi con conseguente riduzio ne della clearance del metotrexato e aumento del rischio di tossicita' . Moclobemide: aumenta l'effetto di ibuprofene. Aminoglicosidi: i FANS possono diminuire l'escrezione degli aminoglicosidi aumentandone la t ossicita'. Glicosidi cardiaci: i FANS possono esacerbare lo scompenso cardiaco, ridurre il tasso della filtrazione glomerulare e aumentare i livelli plasmatici dei glicosidi cardiaci. Si raccomanda il monitorag gio dei livelli di glicosidi sierici. Colestiramina: la concomitante s omministrazione di ibuprofene e colestiramina puo' prolungare e ridurr e l'assorbimento dell'ibuprofene a livello del tratto gastrointestinal e. Ciclosporine: la somministrazione concomitante di ciclosporina e di alcuni FANS causa un aumentato rischio di danno renale. Questo effett o non puo' essere escluso per la combinazione di ciclosporina e ibupro fene. Ginkgo Biloba puo' aumentare il rischio di sanguinamento in asso ciazione a FANS. Mifepristone: a causa delle proprieta' anti-prostagla ndiniche dei FANS, il loro utilizzo dopo la somministrazione di mifepr istone puo' determinare una riduzione dell'effetto del mifepristone. L 'evidenza limitata suggerisce che la co-somministrazione di FANS e pro staglandine nello stesso giorno non influenza negativamente gli effett i del mifepristone o della prostaglandina sulla maturazione cervicale o sulla contrattilita' uterina e non riduce l'efficacia clinica del me dicinale sull'interruzione di gravidanza. Antibiotici chinolonici: i p azienti che assumono FANS e chinoloni possono avere un aumentato risch io di sviluppare convulsioni. Sulfaniluree: i FANS possono aumentare l 'effetto ipoglicemico delle sulfaniluree. Nel caso di trattamento simu ltaneo, si raccomanda il monitoraggio dei livelli di glucosio nel sang ue. Tacrolimus: la co-somministrazione di FANS e tacrolimus puo' deter minare un aumento del rischio di nefrotossicita'. Zidovudina: ci sono evidenze di un aumentato rischio di emartrosi e di ematoma in pazienti emofiliaci HIV positivi in contemporaneo trattamento con Zidovudina e d altri FANS. Si raccomanda un esame ematologico 1-2 settimane dopo l' inizio del trattamento. Ritonavir: puo' determinare un aumento delle c oncentrazioni plasmatiche dei FANS. Probenecid: rallenta l'escrezione di ibuprofene, con possibile aumento delle loro concentrazioni plasmat iche. Inibitori del CYP2C9: la somministrazione concomitante di ibupro fene e inibitori del CYP2C9 puo' rallentare l'eliminazione dell'ibupro fene determinando un aumento dell'esposizione all'ibuprofene. In uno s tudio con voriconazolo e fluconazolo, si e' osservata una aumentata es posizione al S(+)-ibuprofene. Si deve prendere in considerazione la ri duzione della dose di ibuprofene nei casi di co-somministrazione con i nibitori forti del CYP2C9. Alcol, bifosfonati e ossipentifillina (pent ossifillina): possono potenziare gli effetti collaterali gastrointesti nali e il rischio di sanguinamento e ulcera. Baclofene: elevata tossic ita' del baclofene. Gli effetti indesiderati osservati con ibuprofene sono generalmente co muni agli altri analgesici, antipiretici, antinfiammatori non-steroide i e sono di seguito riportati utilizzando la seguente convenzione: mol to comuni (>=1/10), comuni (>=1/100, < 1/10), non comuni (>= 1/ 1.000, < 1/100), rari (>=1/10,000, < 1/1.000), molto rari (

€ 10,40 € 8,10

NON DISPONIBILE

Non disponibile

NUROFEN FEBBRE D200MG/5MLARA

RECKITT BENCKISER

NUROFEN FEBBRE D200MG/5MLARA

NUROFEN FEBBRE E DOLORE 200MG/5ML SOSPENSIONE ORALE Farmaci antinfiammatori/antireumatici non steroidei, derivati dell'aci do propionico. Questo farmaco da 200 mg/5 ml sospensione orale. Ogni ml di sospension e orale contiene: ibuprofene 40 mg. Questo medicinale da 200 mg/5 ml sospensione orale gusto arancia senza zucchero: polisorbato 80, glicerina, sciroppo di maltitolo, saccarina sodica, acido citrico, sodio citrato, gomma di xanthan, sodio cloruro , aroma arancia, bromuro di domifene, acqua depurata. Questo medicinal e da 200 mg/5 ml sospensione orale gusto fragola senza zucchero: polis orbato 80, glicerina, sciroppo di maltitolo, saccarina sodica, acido c itrico, sodio citrato, gomma di xanthan, sodio cloruro, aroma fragola, bromuro di domifene, acqua depurata. Trattamento sintomatico della febbre e del dolore lieve o moderato. Ipersensibilita' all'ibuprofene o ad uno qualsiasi degli eccipienti. B ambini di eta' inferiore ai 2 anni o di peso inferiore a 10 Kg. La spe cialita' medicinale e' controindicata in pazienti che mostrano o hanno precedentemente mostrato ipersensibilita' (es. asma, rinite, angioede ma o orticaria) all'acido acetilsalicilico o ad altri analgesici, anti piretici, antinfiammatori non steroidei (FANS), in particolare quando l'ipersensibilita' e' associata a poliposi nasale e asma. Ulcera pepti ca attiva. Grave insufficienza renale o epatica. Severa insufficienza cardiaca. Storia di emorragia gastrointestinale o perforazione relativ a a precedenti terapie a base di FANS. Storia di emorragia/ulcera pept ica ricorrente (due o piu' episodi distinti di dimostrata ulcerazione o sanguinamento). Uso concomitante di FANS, compresi gli inibitori spe cifici della COX-2. Durante l'ultimo trimestre di gravidanza. Posologia: gli effetti indesiderati possono essere minimizzati con l'u so della dose minima efficace per la durata di trattamento piu' breve possibile necessaria per controllare i sintomi. Adulti e adolescenti o ltre i 12 anni ( >= 43 kg di peso corporeo): 200-400 mg di ibuprofene (corrispondente a 5 - 10 ml di sospensione orale), 2-3 volte al giorno . L'intervallo tra le dosi non deve essere inferiore alle 4 ore. Non s uperare la dose massima di 1200 mg (30 ml) nelle 24 ore. L'uso negli a dulti e' indicato soprattutto nei pazienti che presentano disfagia. An ziani: non sono richieste modificazioni dello schema posologico. Popol azione pediatrica. Bambini tra i 2 - 12 anni (10 - 43 Kg di peso corpo reo): la dose giornaliera e' strutturata in base al peso ed all'eta' d el paziente. La dose giornaliera di 20-30 mg/kg di peso corporeo, sudd ivisa 3 volte al giorno ad intervalli di 6-8 ore, puo' essere somminis trata sulla base dello schema che segue (non superare le dosi consigli ate). Peso: da 10 kg età indicativa: 2 - 3 anni dose singola in ml: 2,5 ml numero massimo di somministrazioni/giorno: 3 nelle 24 ore. Pes o: da 15 kg età indicativa: 4 - 6 anni dose singola in ml: 3,75 ml numero massimo di somministrazioni/giorno: 3 nelle 24 ore. Peso: da 20 kg età indicativa: 7 - 9 anni dose singola in ml: 5 ml numero mass imo di somministrazioni/giorno: 3 nelle 24 ore. Peso: da 28 a 43 kg e tà indicativa: 10 - 12 anni dose singola in ml: 7,5 ml numero massim o di somministrazioni/giorno: 3 nelle 24 ore. Popolazioni speciali: ne l caso di febbre post-vaccinazione riferirsi al dosaggio sopra indicat o, si raccomanda la somministrazione di una dose singola (2,5 ml) segu ita, se necessario, da un'altra dose dopo 6 ore. Non somministrare piu ' di due dosi nelle 24 ore. Consultare il medico se la febbre non dimi nuisce. Il prodotto e' inteso per trattamenti di breve durata. Nel cas o l'uso del medicinale sia necessario per piu' di 3 giorni nei bambini di eta' superiore ai 2 anni, negli adolescenti e negli adulti, o nel caso di peggioramento della sintomatologia deve essere consultato un m edico. Modo di somministrazione: la somministrazione orale dovrebbe av venire mediante siringa dosatrice o cucchiaino dosatore forniti con il prodotto. La scala graduata presente sul corpo della siringa riporta in evidenza le tacche per i diversi dosaggi: in particolare la tacca d a 2,5 ml corrispondente a 100 mg di ibuprofene, la tacca da 3,75 ml co rrispondente a 150 mg di ibuprofene e la tacca da 5 ml corrispondente a 200 mg di ibuprofene. Il cucchiaino dosatore presenta due palette co ncave alle estremita' per i diversi dosaggi: la tacca da 1,25 ml corri spondente a 50 mg di ibuprofene, la tacca da 2,5 ml corrispondente a 1 00 mg di ibuprofene e la tacca da 5 ml corrispondente a 200 mg di ibup rofene. I pazienti che soffrono di problemi di stomaco possono assumer e il medicinale durante i pasti. Istruzioni per l'utilizzo della sirin ga dosatrice: 1. Svitare il tappo spingendolo verso il basso e girando lo verso sinistra. 2. Introdurre a fondo la punta della siringa nel fo ro del sottotappo. 3. Agitare bene. 4. Capovolgere il flacone, quindi, tenendo saldamente la siringa, tirare delicatamente lo stantuffo vers o il basso facendo defluire la sospensione nella siringa fino alla tac ca corrispondente alla dose desiderata. 5. Rimettere il flacone in pos izione verticale e rimuovere la siringa ruotandola delicatamente. 6. I ntrodurre la punta della siringa in bocca, ed esercitare una lieve pre ssione sullo stantuffo per far defluire la sospensione. 7. Dopo l'uso avvitare il tappo per chiudere il flacone e lavare la siringa con acqu a calda. Lasciarla asciugare, tenendola fuori dalla vista e dalla port ata dei bambini. Non conservare a temperatura superiore a 30 gradi C. Gli effetti indesiderati possono essere minimizzati con l'uso della pi u' bassa dose efficace per la piu' breve durata possibile di trattamen to che occorre per controllare i sintomi. L'uso di questo farmaco deve essere evitato in concomitanza di FANS, inclusi gli inibitori seletti vi della COX-2. Gli analgesici, antipiretici, antinfiammatori non ster oidei possono causare reazioni di ipersensibilita', potenzialmente gra vi (reazioni anafilattoidi), anche in soggetti non precedentemente esp osti a questo tipo di farmaci. Il rischio di reazioni di ipersensibili ta' dopo assunzione di ibuprofene e' maggiore nei soggetti che abbiano presentato tali reazioni dopo l'uso di altri analgesici, antipiretici , antinfiammatori non steroidei e nei soggetti con iperreattivita' bro nchiale (asma), poliposi nasale o precedenti episodi di angioedema. Em orragia gastrointestinale, ulcerazione e perforazione: durante il trat tamento con tutti i FANS, in qualsiasi momento, con o senza sintomi di preavviso o precedente storia di gravi eventi gastrointestinali, sono state riportate emorragia gastrointestinale, ulcerazione e perforazio ne, che possono essere fatali. Nei bambini e negli adolescenti disidra tati esiste il rischio di alterazione della funzionalita' renale. Anzi ani: i pazienti anziani hanno un aumento della frequenza di reazioni a vverse ai FANS, specialmente emorragie e perforazioni gastrointestinal i, che possono essere fatali. Negli anziani e in pazienti con storia d i ulcera, soprattutto se complicata da emorragia o perforazione, il ri schio di emorragia gastrointestinale, ulcerazione o perforazione e' pi u' alto con dosi aumentate di FANS. Questi pazienti devono iniziare il trattamento con la piu' bassa dose disponibile. L'uso concomitante di agenti protettori (es. misoprostolo o inibitori di pompa protonica) d eve essere considerato per questi pazienti ed anche per pazienti che a ssumono basse dosi di aspirina o altri farmaci che possono aumentare i l rischio di eventi gastrointestinali. Pazienti con storia di tossicit a' gastrointestinale, in particolare anziani, devono riferire qualsias i sintomo gastrointestinale inusuale (soprattutto emorragia gastrointe stinale) in particolare nelle fasi iniziali del trattamento. Cautela d eve essere prestata ai pazienti che assumono farmaci concomitanti che potrebbero aumentare il rischio di ulcerazione o sanguinamento, come c orticosteroidi orali, anticoagulanti come warfarin, inibitori selettiv i del reuptake della serotonina o agenti antiaggreganti come l'acido a cetilsalicilico (aspirina). Quando si verifica emorragia o ulcerazione gastrointestinale in pazienti che assumono questo medicinale, il trat tamento deve essere sospeso. I FANS devono essere somministrati con ca utela ai pazienti con una storia di malattia gastrointestinale (colite ulcerosa, morbo di Crohn) poiche' tali condizioni possono essere esac erbate. Gravi reazioni cutanee alcune delle quali fatali, includenti d ermatite esfoliativa, sindrome di Stevens-Johnson e necrolisi tossica epidermica, sono state riportate molto raramente in associazione con l 'uso dei FANS. Nelle prime fasi della terapia i pazienti sembrano esse re a piu' alto rischio: l'insorgenza della reazione si verifica nella maggior parte dei casi entro il primo mese di trattamento. Questo farm aco deve essere interrotto alla prima comparsa di rash cutaneo, lesion i della mucosa o qualsiasi altro segno di ipersensibilita'. La varicel la puo' eccezionalmente essere all'origine di complicazioni infettive gravi alla cute e ai tessuti molli. Ad oggi, non si puo' escludere il contributo dei FANS nel peggioramento di tali infezioni, pertanto si c onsiglia di evitare l'utilizzo di questo farmaco in caso di varicella. Cautela e' richiesta (discutere con il proprio medico o farmacista) p rima di iniziare il trattamento nei pazienti con anamnesi positiva per ipertensione e/o insufficienza cardiaca poiche' in associazione al tr attamento con i FANS sono stati riscontrati ritenzione di liquidi, ipe rtensione ed edema. Studi clinici e dati epidemiologici suggeriscono c he l'uso di ibuprofene, specialmente ad alti dosaggi (2400 mg/die) e p er trattamenti di lunga durata, puo' essere associato ad un modesto au mento del rischio di eventi trombotici arteriosi (es. infarto del mioc ardio o ictus). In generale, gli studi epidemiologici non suggeriscono che basse dosi di ibuprofene (es.

€ 14,50

NON DISPONIBILE

Non disponibile

NUROFEN FEBBRE D200MG/5MLFRA

RECKITT BENCKISER

NUROFEN FEBBRE D200MG/5MLFRA

NUROFEN FEBBRE E DOLORE 200MG/5ML SOSPENSIONE ORALE Farmaci antinfiammatori/antireumatici non steroidei, derivati dell'aci do propionico. Questo farmaco da 200 mg/5 ml sospensione orale. Ogni ml di sospension e orale contiene: ibuprofene 40 mg. Questo medicinale da 200 mg/5 ml sospensione orale gusto arancia senza zucchero: polisorbato 80, glicerina, sciroppo di maltitolo, saccarina sodica, acido citrico, sodio citrato, gomma di xanthan, sodio cloruro , aroma arancia, bromuro di domifene, acqua depurata. Questo medicinal e da 200 mg/5 ml sospensione orale gusto fragola senza zucchero: polis orbato 80, glicerina, sciroppo di maltitolo, saccarina sodica, acido c itrico, sodio citrato, gomma di xanthan, sodio cloruro, aroma fragola, bromuro di domifene, acqua depurata. Trattamento sintomatico della febbre e del dolore lieve o moderato. Ipersensibilita' all'ibuprofene o ad uno qualsiasi degli eccipienti. B ambini di eta' inferiore ai 2 anni o di peso inferiore a 10 Kg. La spe cialita' medicinale e' controindicata in pazienti che mostrano o hanno precedentemente mostrato ipersensibilita' (es. asma, rinite, angioede ma o orticaria) all'acido acetilsalicilico o ad altri analgesici, anti piretici, antinfiammatori non steroidei (FANS), in particolare quando l'ipersensibilita' e' associata a poliposi nasale e asma. Ulcera pepti ca attiva. Grave insufficienza renale o epatica. Severa insufficienza cardiaca. Storia di emorragia gastrointestinale o perforazione relativ a a precedenti terapie a base di FANS. Storia di emorragia/ulcera pept ica ricorrente (due o piu' episodi distinti di dimostrata ulcerazione o sanguinamento). Uso concomitante di FANS, compresi gli inibitori spe cifici della COX-2. Durante l'ultimo trimestre di gravidanza. Posologia: gli effetti indesiderati possono essere minimizzati con l'u so della dose minima efficace per la durata di trattamento piu' breve possibile necessaria per controllare i sintomi. Adulti e adolescenti o ltre i 12 anni ( >= 43 kg di peso corporeo): 200-400 mg di ibuprofene (corrispondente a 5 - 10 ml di sospensione orale), 2-3 volte al giorno . L'intervallo tra le dosi non deve essere inferiore alle 4 ore. Non s uperare la dose massima di 1200 mg (30 ml) nelle 24 ore. L'uso negli a dulti e' indicato soprattutto nei pazienti che presentano disfagia. An ziani: non sono richieste modificazioni dello schema posologico. Popol azione pediatrica. Bambini tra i 2 - 12 anni (10 - 43 Kg di peso corpo reo): la dose giornaliera e' strutturata in base al peso ed all'eta' d el paziente. La dose giornaliera di 20-30 mg/kg di peso corporeo, sudd ivisa 3 volte al giorno ad intervalli di 6-8 ore, puo' essere somminis trata sulla base dello schema che segue (non superare le dosi consigli ate). Peso: da 10 kg età indicativa: 2 - 3 anni dose singola in ml: 2,5 ml numero massimo di somministrazioni/giorno: 3 nelle 24 ore. Pes o: da 15 kg età indicativa: 4 - 6 anni dose singola in ml: 3,75 ml numero massimo di somministrazioni/giorno: 3 nelle 24 ore. Peso: da 20 kg età indicativa: 7 - 9 anni dose singola in ml: 5 ml numero mass imo di somministrazioni/giorno: 3 nelle 24 ore. Peso: da 28 a 43 kg e tà indicativa: 10 - 12 anni dose singola in ml: 7,5 ml numero massim o di somministrazioni/giorno: 3 nelle 24 ore. Popolazioni speciali: ne l caso di febbre post-vaccinazione riferirsi al dosaggio sopra indicat o, si raccomanda la somministrazione di una dose singola (2,5 ml) segu ita, se necessario, da un'altra dose dopo 6 ore. Non somministrare piu ' di due dosi nelle 24 ore. Consultare il medico se la febbre non dimi nuisce. Il prodotto e' inteso per trattamenti di breve durata. Nel cas o l'uso del medicinale sia necessario per piu' di 3 giorni nei bambini di eta' superiore ai 2 anni, negli adolescenti e negli adulti, o nel caso di peggioramento della sintomatologia deve essere consultato un m edico. Modo di somministrazione: la somministrazione orale dovrebbe av venire mediante siringa dosatrice o cucchiaino dosatore forniti con il prodotto. La scala graduata presente sul corpo della siringa riporta in evidenza le tacche per i diversi dosaggi: in particolare la tacca d a 2,5 ml corrispondente a 100 mg di ibuprofene, la tacca da 3,75 ml co rrispondente a 150 mg di ibuprofene e la tacca da 5 ml corrispondente a 200 mg di ibuprofene. Il cucchiaino dosatore presenta due palette co ncave alle estremita' per i diversi dosaggi: la tacca da 1,25 ml corri spondente a 50 mg di ibuprofene, la tacca da 2,5 ml corrispondente a 1 00 mg di ibuprofene e la tacca da 5 ml corrispondente a 200 mg di ibup rofene. I pazienti che soffrono di problemi di stomaco possono assumer e il medicinale durante i pasti. Istruzioni per l'utilizzo della sirin ga dosatrice: 1. Svitare il tappo spingendolo verso il basso e girando lo verso sinistra. 2. Introdurre a fondo la punta della siringa nel fo ro del sottotappo. 3. Agitare bene. 4. Capovolgere il flacone, quindi, tenendo saldamente la siringa, tirare delicatamente lo stantuffo vers o il basso facendo defluire la sospensione nella siringa fino alla tac ca corrispondente alla dose desiderata. 5. Rimettere il flacone in pos izione verticale e rimuovere la siringa ruotandola delicatamente. 6. I ntrodurre la punta della siringa in bocca, ed esercitare una lieve pre ssione sullo stantuffo per far defluire la sospensione. 7. Dopo l'uso avvitare il tappo per chiudere il flacone e lavare la siringa con acqu a calda. Lasciarla asciugare, tenendola fuori dalla vista e dalla port ata dei bambini. Non conservare a temperatura superiore a 30 gradi C. Gli effetti indesiderati possono essere minimizzati con l'uso della pi u' bassa dose efficace per la piu' breve durata possibile di trattamen to che occorre per controllare i sintomi. L'uso di questo farmaco deve essere evitato in concomitanza di FANS, inclusi gli inibitori seletti vi della COX-2. Gli analgesici, antipiretici, antinfiammatori non ster oidei possono causare reazioni di ipersensibilita', potenzialmente gra vi (reazioni anafilattoidi), anche in soggetti non precedentemente esp osti a questo tipo di farmaci. Il rischio di reazioni di ipersensibili ta' dopo assunzione di ibuprofene e' maggiore nei soggetti che abbiano presentato tali reazioni dopo l'uso di altri analgesici, antipiretici , antinfiammatori non steroidei e nei soggetti con iperreattivita' bro nchiale (asma), poliposi nasale o precedenti episodi di angioedema. Em orragia gastrointestinale, ulcerazione e perforazione: durante il trat tamento con tutti i FANS, in qualsiasi momento, con o senza sintomi di preavviso o precedente storia di gravi eventi gastrointestinali, sono state riportate emorragia gastrointestinale, ulcerazione e perforazio ne, che possono essere fatali. Nei bambini e negli adolescenti disidra tati esiste il rischio di alterazione della funzionalita' renale. Anzi ani: i pazienti anziani hanno un aumento della frequenza di reazioni a vverse ai FANS, specialmente emorragie e perforazioni gastrointestinal i, che possono essere fatali. Negli anziani e in pazienti con storia d i ulcera, soprattutto se complicata da emorragia o perforazione, il ri schio di emorragia gastrointestinale, ulcerazione o perforazione e' pi u' alto con dosi aumentate di FANS. Questi pazienti devono iniziare il trattamento con la piu' bassa dose disponibile. L'uso concomitante di agenti protettori (es. misoprostolo o inibitori di pompa protonica) d eve essere considerato per questi pazienti ed anche per pazienti che a ssumono basse dosi di aspirina o altri farmaci che possono aumentare i l rischio di eventi gastrointestinali. Pazienti con storia di tossicit a' gastrointestinale, in particolare anziani, devono riferire qualsias i sintomo gastrointestinale inusuale (soprattutto emorragia gastrointe stinale) in particolare nelle fasi iniziali del trattamento. Cautela d eve essere prestata ai pazienti che assumono farmaci concomitanti che potrebbero aumentare il rischio di ulcerazione o sanguinamento, come c orticosteroidi orali, anticoagulanti come warfarin, inibitori selettiv i del reuptake della serotonina o agenti antiaggreganti come l'acido a cetilsalicilico (aspirina). Quando si verifica emorragia o ulcerazione gastrointestinale in pazienti che assumono questo medicinale, il trat tamento deve essere sospeso. I FANS devono essere somministrati con ca utela ai pazienti con una storia di malattia gastrointestinale (colite ulcerosa, morbo di Crohn) poiche' tali condizioni possono essere esac erbate. Gravi reazioni cutanee alcune delle quali fatali, includenti d ermatite esfoliativa, sindrome di Stevens-Johnson e necrolisi tossica epidermica, sono state riportate molto raramente in associazione con l 'uso dei FANS. Nelle prime fasi della terapia i pazienti sembrano esse re a piu' alto rischio: l'insorgenza della reazione si verifica nella maggior parte dei casi entro il primo mese di trattamento. Questo farm aco deve essere interrotto alla prima comparsa di rash cutaneo, lesion i della mucosa o qualsiasi altro segno di ipersensibilita'. La varicel la puo' eccezionalmente essere all'origine di complicazioni infettive gravi alla cute e ai tessuti molli. Ad oggi, non si puo' escludere il contributo dei FANS nel peggioramento di tali infezioni, pertanto si c onsiglia di evitare l'utilizzo di questo farmaco in caso di varicella. Cautela e' richiesta (discutere con il proprio medico o farmacista) p rima di iniziare il trattamento nei pazienti con anamnesi positiva per ipertensione e/o insufficienza cardiaca poiche' in associazione al tr attamento con i FANS sono stati riscontrati ritenzione di liquidi, ipe rtensione ed edema. Studi clinici e dati epidemiologici suggeriscono c he l'uso di ibuprofene, specialmente ad alti dosaggi (2400 mg/die) e p er trattamenti di lunga durata, puo' essere associato ad un modesto au mento del rischio di eventi trombotici arteriosi (es. infarto del mioc ardio o ictus). In generale, gli studi epidemiologici non suggeriscono che basse dosi di ibuprofene (es.

€ 13,50

NON DISPONIBILE

Non disponibile

NUROFEN FEBBRE DBB100MG/5MLF

RECKITT BENCKISER

NUROFEN FEBBRE DBB100MG/5MLF

NUROFEN FEBBRE E DOLORE BAMBINI 100MG/5ML SOSPENSIONE ORALE Farmaci antinfiammatori/antireumatici non steroidei, derivati dell'aci do propionico. Questo farmaco - bambini 100 mg/5 ml sospensione orale. Ogni ml di sos pensione orale contiene: ibuprofene 20 mg. Questo medicinale - bambini 100 mg/5 ml sospensione orale gusto aranci a senza zucchero: polisorbato 80, glicerina, sciroppo di maltitolo, sa ccarina sodica, acido citrico, sodio citrato, gomma di xanthan, sodio cloruro, aroma arancia, bromuro di domifene, acqua depurata. Questo me dicinale - bambini 100 mg/5 ml sospensione orale gusto fragola senza z ucchero: polisorbato 80, glicerina, sciroppo di maltitolo, saccarina s odica, acido citrico, sodio citrato, gomma di xanthan, sodio cloruro, aroma fragola, bromuro di domifene, acqua depurata. Trattamento sintomatico della febbre e del dolore lieve o moderato. Ipersensibilita' all'ibuprofene o ad uno qualsiasi degli eccipienti. B ambini di eta' inferiore a 3 mesi o di peso inferiore a 5,6 kg. La spe cialita' medicinale e' controindicata in pazienti che mostrano o hanno precedentemente mostrato ipersensibilita' (es. asma, rinite, angioede ma o orticaria) all'acido acetilsalicilico o ad altri analgesici, anti piretici, antinfiammatori non steroidei (FANS), in particolare quando l'ipersensibilita' e' associata a poliposi nasale e asma. Ulcera pepti ca attiva. Grave insufficienza renale o epatica. Severa insufficienza cardiaca. Storia di emorragia gastrointestinale o perforazione, relati va a precedenti terapie a base di FANS storia di emorragia/ulcera pept ica ricorrente (due o piu' episodi distinti di dimostrata ulcerazione o sanguinamento). Uso concomitante di FANS, compresi gli inibitori spe cifici della COX-2. Durante l'ultimo trimestre di gravidanza. Posologia. La dose giornaliera e' strutturata in base al peso ed all'e ta' del paziente. Gli effetti indesiderati possono essere minimizzati con l'uso della dose minima efficace per la durata di trattamento piu' breve possibile necessaria per controllare i sintomi. Nei bambini di eta' compresa tra 3 e 6 mesi limitare la somministrazione a quelli di peso superiore ai 5,6 kg. Modo di somministrazione: la somministrazion e orale a lattanti e bambini di eta' compresa fra 3 mesi e 12 anni dov rebbe avvenire mediante siringa dosatrice o cucchiaino dosatore fornit i con il prodotto. I pazienti che soffrono di problemi di stomaco poss ono assumere il medicinale durante i pasti. La dose giornaliera di 20- 30 mg/kg di peso corporeo, suddivisa 3 volte al giorno ad intervalli d i 6-8 ore, puo' essere somministrata sulla base dello schema che segue (non superare le dosi consigliate). La scala graduata presente sul co rpo della siringa riporta in evidenza le tacche per i diversi dosaggi in particolare la tacca da 2,5 ml corrispondente a 50 mg di ibuprofen e e la tacca da 5 ml corrispondente a 100 mg di ibuprofene. Il cucchia ino dosatore riporta due tacche per due diversi dosaggi: la tacca da 2 ,5 ml corrispondente a 50 mg di ibuprofene e la tacca da 5 ml corrispo ndente a 100 mg di ibuprofene. Peso: da 5,6 kg età indicativa: 3 - 6 mesi dose singola in ml: 2,5 ml numero massimo di somministrazioni/g iorno: 3 nelle 24 ore. Peso: da 7 kg età indicativa: 6 - 12 mesi dos e singola in ml: 2,5 ml numero massimo di somministrazioni/giorno: 3 nelle 24 ore. Peso: da 10 kg età indicativa: 1 - 3 anni dose singola in ml: 5 ml numero massimo di somministrazioni/giorno: 3 nelle 24 or e. Peso: da 15 kg età indicativa: 4 - 6 anni dose singola in ml: 7,5 ml (5 ml + 2,5 ml) numero massimo di somministrazioni/giorno: 3 nell e 24 ore. Peso: da 20 kg, età indicativa: 7 - 9 anni dose singola in ml: 10 ml numero massimo di somministrazioni/giorno: 3 nelle 24 ore. Peso: da 28 a 43 kg età indicativa: 10 - 12 anni dose singola in ml: 15 ml numero massimo di somministrazioni/giorno: 3 nelle 24 ore. Pop olazioni speciali: nel caso di febbre post-vaccinazione riferirsi al d osaggio sopra indicato, si raccomanda la somministrazione di una dose singola (2,5 ml) seguita, se necessario, da un'altra dose dopo 6 ore. Non somministrare piu' di due dosi nelle 24 ore. Consultare il medico se la febbre non diminuisce. Il prodotto e' inteso per trattamenti di breve durata. Nei lattanti di eta' compresa tra 3 e 5 mesi deve essere consultato il medico qualora i sintomi persistano per un periodo supe riore alle 24 ore o nel caso di peggioramento della sintomatologia. Ne l caso l'uso del medicinale sia necessario per piu' di 3 giorni nei la ttanti e nei bambini di eta' superiore ai 6 mesi e negli adolescenti, o nel caso di peggioramento della sintomatologia deve essere consultat o un medico. Istruzioni per l'utilizzo della siringa dosatrice: 1. Svi tare il tappo spingendolo verso il basso e girandolo verso sinistra. 2 . Introdurre a fondo la punta della siringa nel foro del sottotappo. 3 . Agitare bene. 4. Capovolgere il flacone, quindi, tenendo saldamente la siringa, tirare delicatamente lo stantuffo verso il basso facendo d efluire la sospensione nella siringa fino alla tacca corrispondente al la dose desiderata. 5. Rimettere il flacone in posizione verticale e r imuovere la siringa ruotandola delicatamente. 6. Introdurre la punta d ella siringa nella bocca del bambino, ed esercitare una lieve pression e sullo stantuffo per far defluire la sospensione. 7. Dopo l'uso avvit are il tappo per chiudere il flacone e lavare la siringa con acqua cal da. Lasciarla asciugare, tenendola fuori dalla portata e dalla vista d ei bambini. Nessuna particolare. Gli effetti indesiderati possono essere minimizzati con l'uso della pi u' bassa dose efficace per la piu' breve durata possibile di trattamen to che occorre per controllare i sintomi. L'uso di questo medicinale d eve essere evitato in concomitanza di FANS, inclusi gli inibitori sele ttivi della COX-2. Gli analgesici, antipiretici, antinfiammatori non s teroidei possono causare reazioni di ipersensibilita', potenzialmente gravi (reazioni anafilattoidi), anche in soggetti non precedentemente esposti a questo tipo di farmaci. Il rischio di reazioni di ipersensib ilita' dopo assunzione di ibuprofene e' maggiore nei soggetti che abbi ano presentato tali reazioni dopo l'uso di altri analgesici, antipiret ici, antinfiammatori non steroidei e nei soggetti con iperreattivita' bronchiale (asma), poliposi nasale o precedenti episodi di angioedema. Emorragia gastrointestinale, ulcerazione e perforazione: durante il t rattamento con tutti i FANS, in qualsiasi momento, con o senza sintomi di preavviso o precedente storia di gravi eventi gastrointestinali, s ono state riportate emorragia gastrointestinale, ulcerazione e perfora zione, che possono essere fatali. Nei bambini e negli adolescenti disi dratati esiste il rischio di alterazione della funzionalita' renale. A nziani: i pazienti anziani hanno un aumento della frequenza di reazion i avverse ai FANS, specialmente emorragie e perforazioni gastrointesti nali, che possono essere fatali. Negli anziani e in pazienti con stori a di ulcera, soprattutto se complicata da emorragia o perforazione, il rischio di emorragia gastrointestinale, ulcerazione o perforazione e' piu' alto con dosi aumentate di FANS. Questi pazienti devono iniziare il trattamento con la piu' bassa dose disponibile. L'uso concomitante di agenti protettori (es. misoprostolo o inibitori di pompa protonica ) deve essere considerato per questi pazienti ed anche per pazienti ch e assumono basse dosi di aspirina o altri farmaci che possono aumentar e il rischio di eventi gastrointestinali. Pazienti con storia di tossi cita' gastrointestinale, in particolare anziani, devono riferire quals iasi sintomo gastrointestinale inusuale (soprattutto emorragia gastroi ntestinale) in particolare nelle fasi iniziali del trattamento. Cautel a deve essere prestata ai pazienti che assumono farmaci concomitanti c he potrebbero aumentare il rischio di ulcerazione o sanguinamento, com e corticosteroidi orali, anticoagulanti come warfarin, inibitori selet tivi del reuptake della serotonina o agenti antiaggreganti come l'acid o acetilsalicilico (aspirina). Quando si verifica emorragia o ulcerazi one gastrointestinale in pazienti che assumono questo farmaco, il trat tamento deve essere sospeso. I FANS devono essere somministrati con ca utela ai pazienti con una storia di malattia gastrointestinale (colite ulcerosa, morbo di Crohn) poiche' tali condizioni possono essere esac erbate. Gravi reazioni cutanee alcune delle quali fatali, includenti d ermatite esfoliativa, sindrome di Stevens-Johnson e necrolisi tossica epidermica, sono state riportate molto raramente in associazione con l 'uso dei FANS. Nelle prime fasi della terapia i pazienti sembrano esse re a piu' alto rischio: l'insorgenza della reazione si verifica nella maggior parte dei casi entro il primo mese di trattamento. Questo medi cinale deve essere interrotto alla prima comparsa di rash cutaneo, les ioni della mucosa o qualsiasi altro segno di ipersensibilita'. La vari cella puo' eccezionalmente essere all'origine di complicazioni infetti ve gravi alla cute e ai tessuti molli. Ad oggi, non si puo' escludere il contributo dei FANS nel peggioramento di tali infezioni, pertanto s i consiglia di evitare l'utilizzo di questo farmaco in caso di varicel la. Cautela e' richiesta (discutere con il proprio medico o farmacista ) prima di iniziare il trattamento nei pazienti con anamnesi positiva per ipertensione e/o insufficienza cardiaca poiche' in associazione al trattamento con i FANS sono stati riscontrati ritenzione di liquidi, ipertensione ed edema. Studi clinici e dati epidemiologici suggeriscon o che l'uso di ibuprofene, specialmente ad alti dosaggi (2400 mg/die) e per trattamenti di lunga durata, puo' essere associato ad un modesto aumento del rischio di eventi trombotici arteriosi (es. infarto del m iocardio o ictus). In generale, gli studi epidemiologici non suggerisc ono che basse dosi di ibuprofene (es. = 1 /10) Comune ( >= 1/100, = 1/1.000, = 1/10.000,

€ 12,50

NON DISPONIBILE

Non disponibile

MOMENTACT ANALGESICO 12BUST
Sconto 18%

ANGELINI SpA

MOMENTACT ANALGESICO 12BUST

MOMENTACT ANALGESICO 400 MG GRANULATO PER SOLUZIONE ORALE Farmaci antiinfiammatori ed antireumatici non steroidei. Ibuprofene. Saccarosio, potassio bicarbonato, aroma arancia, acesulfame potassico, aspartame. Dolori di varia origine e natura (mal di testa, mal di denti, nevralgi e, dolori osteo-articolari e muscolari, dolori mestruali). Non somministrare al di sotto dei 12 anni gravidanza e allattamento ipersensibilita' al principio attivo, ad altri antireumatici (acido ac etilsalicilico, ecc.) o ad uno qualsiasi degli eccipienti ulcera gast roduodenale attiva o grave o altre gastropatie storia di emorragia ga strointestinale o perforazione relativa a precedenti trattamenti attiv i o storia di emorragia/ulcera peptica ricorrente (due o piu' episodi distinti di dimostrata ulcerazione o sanguinamento) insufficienza epa tica o renale grave severa insufficienza cardiaca soggetti affetti d a fenilchetonuria. Adulti e adolescenti oltre i 12 anni: 1 bustina 2-3 volte al giorno. S ciogliere il contenuto della bustina in un bicchiere di acqua mescolan do con un cucchiaino fino a dissoluzione e bere immediatamente la solu zione. Non superare la dose di 3 bustine al giorno. Nel caso l'uso del medicinale sia necessario per piu' di 3 giorni negli adolescenti, o n el caso di peggioramento della sintomatologia, deve essere consultato il medico. Non superare le dosi consigliate: in particolare i pazienti anziani dovrebbero attenersi ai dosaggi minimi sopraindicati. Assumer e il prodotto a stomaco pieno. Questo medicinale non richiede alcuna temperatura particolare di conse rvazione. In pazienti asmatici il prodotto deve essere utilizzato con cautela. L 'uso del farmaco, e' sconsigliato nelle donne che intendano iniziare u na gravidanza. La somministrazione del medicinale dovrebbe essere sosp esa nelle donne che hanno problemi di fertilita' o che sono sottoposte a indagini sulla fertilita'. L'uso del prodotto deve essere evitato i n concomitanza di FANS, inclusi gli inibitori selettivi della COX-2. G li effetti indesiderati possono essere minimizzati con l'uso della piu ' bassa dose efficace per la piu' breve durata possibile di trattament o che occorre per controllare i sintomi. Effetti cardiovascolari e cer ebrovascolari: studi clinici e dati epidemiologici suggeriscono che l' uso di ibuprofene, specialmente ad alti dosaggi (2400 mg/die) e per tr attamenti di lunga durata, puo' essere associato ad un modesto aumento del rischio di eventi trombotici arteriosi (p.es. infarto del miocard io o ictus). In generale, gli studi epidemiologici non suggeriscono ch e basse dosi di ibuprofene (per es.

€ 10,20 € 8,36

NON DISPONIBILE

Non disponibile

DOLAUT GOLA SPRAY MUC OS15ML
Sconto 10%

NEOPHARMED GENTILI

DOLAUT GOLA SPRAY MUC OS15ML

DOLAUT GOLA 0,25% SPRAY PER MUCOSA ORALE Stomatologici, altre sostanze per il trattamento orale locale. 100 ml di spray per mucosa orale contengono: flurbiprofene 250 mg. Propilenglicole, etanolo (96%), clorexidina digluconato soluzione, oli o di ricino idrogenato-40-poliossietilenato, sodio idrossido, saccarin a sodica, aroma menta, blu patent V (E 131), giallo chinolina (E 104), acqua depurata. Trattamento sintomatico di stati irritativo-infiammatori anche associa ti a dolore del cavo orofaringeo (ad es. gengiviti, stomatiti, faringi ti), anche in conseguenza di terapia dentaria conservativa o estrattiv a. Ipersensibilita' al flurbiprofene o ad uno qualsiasi degli eccipienti. Pazienti che hanno precedentemente manifestato reazioni di ipersensib ilita' (ad es. asma, orticaria) dopo aver assunto aspirina o altri FAN S. Pazienti con storia di emorragia gastrointestinale o perforazione c orrelata a precedenti trattamenti con FANS. Pazienti con colite ulcero sa attiva o anamnestica, morbo di Crohn, ulcera peptica ricorrente o e morragia gastrointestinale (definita come due o piu' episodi distinti di dimostrata ulcerazione o sanguinamento). Pazienti con severa insuff icienza cardiaca, renale o epatica. Terzo trimestre di gravidanza. La dose raccomandata e' di 2 spruzzi 3 volte al giorno, indirizzati di rettamente sulla parte interessata. Questo medicinale non richiede alcuna particolare precauzione per la c onservazione. Dopo la prima apertura, conservare a temperatura non sup eriore ai 25 gradi C e per non piu' di 30 giorni. Precauzioni di carattere generale. Gli effetti indesiderati possono es sere minimizzati con l'uso della piu' bassa dose efficace per la piu' breve durata possibile di trattamento che occorre per controllare i si ntomi. Uso in pazienti anziani. I pazienti anziani hanno una aumentata frequenza di reazioni avverse ai FANS, specialmente emorragia gastroi ntestinale e perforazione, che possono essere fatali. Effetti Gastroin testinali. Flurbiprofene deve essere somministrato con cautela a pazie nti con anamnesi di ulcera peptica e altre malattie gastrointestinali poiche' tali condizioni possono essere riacutizzate. Emorragia gastroi ntestinale, ulcera o perforazione sono stati riportati con tutti i FAN S in qualsiasi momento del trattamento. Questi eventi avversi possono essere fatali e possono verificarsi con o senza sintomi di preavviso o ppure in caso di precedente storia di gravi eventi gastrointestinali. Il rischio di emorragia gastrointestinale, ulcera o perforazione e' pi u' alto all'aumentare del dosaggio di flurbiprofene in pazienti con un a storia di ulcera, in particolare se complicata da emorragia e perfor azione e negli anziani. Questi pazienti devono iniziare il trattamento con la piu' bassa dose disponibile. L'uso concomitante di agenti prot ettori (misoprostolo o inibitori della pompa protonica) deve essere co nsiderato per questi pazienti e anche per pazienti che assumono basse dosi di aspirina o altri farmaci che possono aumentare il rischio di e venti gastrointestinali. Pazienti con anamnesi di malattie gastrointes tinali, soprattutto se anziani, devono riferire qualsiasi sintomo inso lito di tipo addominale (specialmente emorragia gastrointestinale) nel le fasi iniziali di trattamento. Quando si verifica emorragia o ulcera zione gastrointestinale in pazienti che assumono Dolaut Gola il tratta mento deve essere sospeso. Disturbi Respiratori Sono stati riportati c asi di broncospasmo con flurbiprofene in pazienti con anamnesi di asma bronchiale. Funzionalita' cardiaca, renale ed epatica ridotta. Partic olare cautela deve essere adottata nel trattamento di pazienti con fun zionalita' renale, cardiaca o epatica fortemente ridotta, in quanto l' uso dei FANS puo' determinare il deterioramento della funzione renale. In tali pazienti il dosaggio deve essere mantenuto il piu' basso poss ibile e la funzionalita' renale deve essere monitorata. La somministra zione di un FANS puo' causare una riduzione dose dipendente della form azione di prostaglandine, accelerando l'insufficienza renale. I pazien ti a piu' alto rischio di sviluppare questa reazione sono quelli con f unzionalita' renale compromessa, insufficienza cardiaca e disfunzione epatica, coloro che assumono diuretici e le persone anziane. In questi pazienti la funzionalita' renale deve essere monitorata. Effetti card iovascolari e cerebrovascolari. Un adeguato monitoraggio ed opportune istruzioni sono necessarie nei pazienti con anamnesi positiva per iper tensione e/o insufficienza cardiaca congestizia da lieve a moderata po iche', in associazione al trattamento con i FANS, sono stati riscontra ti ritenzione di liquidi ed edema. In questi pazienti lo spray deve es sere assunto con cautela. Studi clinici e dati epidemiologici suggeris cono che l'uso di alcuni FANS specialmente ad alti dosaggi e per tratt amenti di lunga durata, puo' essere associato ad un modesto aumento de l rischio di eventi trombotici arteriosi come ad esempio infarto del m iocardio o ictus. Non ci sono dati sufficienti per escludere un rischi o simile per flurbiprofene. I pazienti con ipertensione non controllat a, insufficienza cardiaca congestizia, cardiopatia ischemica accertata , malattia arteriosa periferica e/o malattia cerebrovascolare devono e ssere trattati con flurbiprofene soltanto dopo attenta valutazione. An aloghe considerazioni devono essere effettuate prima di iniziare un tr attamento di lunga durata in pazienti con fattori di rischio per malat tia cardiovascolare (p.es. ipertensione, iperlipidemia, diabete mellit o, fumo). Reazioni cutanee. Gravi reazioni cutanee, alcune delle quali fatali, includenti dermatite esfoliativa, sindrome di Stevens-Johnson e necrolisi tossica epidermica, sono state riportate molto raramente in associazione con l'uso dei FANS. Nelle prime fasi della terapia i p azienti sembrano essere a piu' alto rischio: l'insorgenza della reazio ne si verifica nella maggior parte dei casi entro il primo mese di tra ttamento. Flurbiprofene deve essere interrotto alla prima comparsa di rash cutaneo, lesioni della mucosa o qualsiasi altro segno di ipersens ibilita'. Effetti Renali. Cautela deve essere usata quando si inizia i l trattamento con FANS come ad esempio il flurbiprofene in pazienti co n disidratazione considerevole. Effetti ematologici. Flurbiprofene, co me altri FANS, puo' inibire l'aggregazione piastrinica e prolungare il tempo di sanguinamento. Lupus Eritematoso Sistemico (SLE) e malattie del sistema connettivo In pazienti affetti da Lupus Eritematoso Sistem ico (SLE) e disturbi del sistema connettivo si puo' verificare un aume nto del rischio di meningite asettica. Gli effetti sopra riportati son o stati segnalati in particolare dopo la somministrazione di formulazi oni a base di Flurbiprofene ad uso sistemico. Alle dosi consigliate, l 'eventuale deglutizione di DOLAUT GOLA non comporta alcun danno per il paziente in quanto tali dosi sono ampiamente inferiori a quelle della posologia singola del prodotto per via sistemica. L'uso del farmaco, specie se prolungato, puo' dare origine a fenomeni di sensibilizzazion e o di irritazione locale in tali casi occorre interrompere il tratta mento e consultare il medico per istituire, se necessario, una terapia idonea. Non usare per trattamenti protratti. Dopo brevi periodi di tr attamento senza risultati apprezzabili consultare il medico. DOLAUT GO LA spray per mucosa orale contiene una piccola quantita' di alcool eti lico inferiore a 100 mg per dose. Informazioni importanti su alcuni ec cipienti. Lo spray per mucosa orale contiene una piccola quantita' di alcool etilico inferiore a 100 mg per dose. Per chi svolge attivita' s portiva, l'uso di medicinali contenenti alcool etilico puo' determinar e positivita' ai test antidoping in rapporto ai limiti di concentrazio ne alcolemica indicata da alcune federazioni sportive. Questo medicina le contiene il colorante blu patent V(E131) che puo' causare reazioni allergiche. Attenzione deve essere prestata in pazienti trattati con uno qualsiasi dei medicinali di seguito riportati, poiche' in alcuni pazienti sono state riportate interazioni. Diuretici, ACE inibitori e antagonisti de ll'angiotensina II. I FANS possono ridurre l'effetto dei diuretici e d i altri farmaci antiipertensivi. I diuretici possono anche aumentare i l rischio di nefrotossicita' dei FANS. In alcuni pazienti con funzione renale compromessa (per esempio pazienti disidratati o pazienti anzia ni con funzione renale compromessa) la co-somministrazione di un ACE i nibitore o di un antagonista dell'angiotensina II e di agenti che inib iscono il sistema della ciclo-ossigenasi puo' portare ad un ulteriore deterioramento della funzione renale, che comprende una possibile insu fficienza renale acuta, generalmente reversibile. Queste interazioni d evono essere considerate in pazienti che assumono Flurbiprofene in con comitanza con ACE inibitori o antagonisti dell'angiotensina II. Quindi , la combinazione deve essere somministrata con cautela, specialmente nei pazienti anziani. I pazienti devono essere adeguatamente idratati e deve essere preso in considerazione il monitoraggio della funzione r enale dopo l'inizio della terapia concomitante e successivamente su ba se periodica. Sali di Litio : diminuzione di eliminazione di litio. Me totrexato: si consiglia cautela in caso di somministrazione concomitan te di flurbiprofene e metotrexato poiche' i FANS possono aumentare i l ivelli di metotrexato e quindi i suoi effetti tossici). Anticoagulanti , come il warfarin: aumento dell'effetto anticoagulante. Agenti-anti a ggreganti : aumento del rischio di emorragia gastrointestinale Inibito ri selettivi del reuptake della serotonina (SSRIs) : aumento del risch io di emorragia gastrointestinale. Aspirina : come con altri medicinal i contenenti FANS, la somministrazione concomitante di flurbiprofene e aspirina non e' generalmente raccomandata a causa del potenziale aume nto di effetti indesiderati. Glicosidi cardiaci: i FANS possono esacer bare l'insufficienza cardiaca, ridurre il grado di filtrazione glomeru lare e aumentare i livelli plasmatici dei glicosidi cardiaci. Ciclospo rine: aumento del rischio di nefrotossicita' con i FANS. Corticosteroi di : aumento del rischio di ulcera gastrointestinale o di emorragia co n FANS. Inibitori della Cox-2 e altri FANS: l'uso concomitante di altr i FANS, inclusi gli inibitori selettivi della ciclossigenasi-2, deve e ssere evitata a causa di potenziali effetti additivi . Mifepristone: i FANS non devono essere assunti per 8-12 giorni dopo la somministrazio ne di mifepristone poiche' i FANS possono ridurre gli effetti del mife pristone. Antibiotici Chinoloni: risultati di studi condotti sugli ani mali suggeriscono che i FANS possono aumentare il rischio di convulsio ni associato all'uso degli antibiotici chinoloni. I pazienti che assum ono FANS e Chinoloni possono avere un aumento del rischio di sviluppar e convulsioni. Tacrolimus: possibile aumento del rischio di nefrotossi cita' in caso di cosomministrazione con FANS. Zidovudine : aumento del rischio di tossicita' ematica in caso di cosomministrazione con FANS. C'e' evidenza di un aumento del rischio di emartrosi e di ematoma in pazienti emofiliaci affetti da HIV in contemporaneo trattamento con Zi dovudine e altri FANS. Le interazioni sopra riportate sono state segna late in particolare dopo la somministrazione di formulazioni a base di Flurbiprofene ad uso sistemico. Alle dosi consigliate di DOLAUT GOLA non sono state segnalate interazioni con altri medicinali o di altro g enere. Informare comunque il medico in caso di assunzione di altri med icamenti. Le seguenti reazioni avverse, segnalate in particolare dopo la sommini strazione di formulazioni ad uso sistemico, sono riportate secondo la classificazione MedDRA. I raggruppamenti di frequenza sono classificat i in accordo alla seguente convenzione: molto comune (>= 1/10), comune (>=1/100 to =1/1000 a = 1/10.000 to

€ 11,00 € 9,92

NON DISPONIBILE

Non disponibile

NEOBOROCILLINA C 16PAST S/Z
Sconto 41%

ALFASIGMA SpA

NEOBOROCILLINA C 16PAST S/Z

NEO BOROCILLINA "1,2 MG + 70 MG PASTIGLIE CON VITAMINA C SENZA ZUCCHER O" Antisettici del cavo orofaringeo. 2,4 diclorobenzil alcool acido ascorbico. Mannitolo, polivinilpirrolidone K 30, copolyvidone, aroma arancia, gli ceril beenato, aspartame. Antisettico del cavo orofaringeo. Ipersensibilita' ai principi attivi o ad uno qualsiasi degli eccipient i per la presenza di aspartame, il prodotto e' controindicato in caso di fenilchetonuria. Sciogliere lentamente in bocca una pastiglia ogni 2-3 ore, fino ad un massimo giornaliero di 8 pastiglie. Non superare le dosi consigliate. Conservare a temperatura non superiore a 30 gradi C. Le pastiglie senza zucchero contengono vitamina C, pertanto devono ess ere usate con cautela da soggetti che soffrono, o abbiano sofferto in passato, di nefrolitiasi (calcolosi renale) e da quelli affetti da Def icit di G6PD (Glucosio-6-fostato deidrogenasi), emocromatosi, talassem ia o anemia sideroblastica. Il prodotto non contiene saccarosio, puo' quindi essere assunto da chi deve evitare la somministrazione di tale zucchero. L'impiego, specie se prolungato, dei prodotti per uso topico orale puo' dare origine a fenomeni di sensibilizzazione. In tal caso e' necessario interrompere il trattamento e istituire una eventuale id onea terapia. Evitare l'uso contemporaneo di altri antisettici. Sono stati segnalati molto raramente: reazioni di ipersensibilita', se nsazione di giramento di testa, insufficienza respiratoria, edema dell a glottide, vomito, malessere, sudorazione, edema delle braccia, edema periorale, edema delle palpebre, edema del volto, orticaria, anemia e molitica, ittero. Non vi sono dati adeguati riguardanti l'uso di 2,4-diclorobenzil alcoo l e acido ascorbico in donne in gravidanza. Nelle donne in stato di gr avidanza e durante l'allattamento, il prodotto va somministrato in cas o di effettiva necessita'.

€ 7,60 € 4,50

NON DISPONIBILE

Non disponibile

BENZIDAMINA TEVA 20PASTL 3MG

TEVA ITALIA Srl

BENZIDAMINA TEVA 20PASTL 3MG

BENZIDAMINA TEVA 3 MG PASTIGLIE Preparati per il cavo faringeo, altri preparati per il cavo faringeo. Ogni pastiglia contiene 3 mg di benzidamina cloridrato (equivalenti a 2,68 mg di benzidamina). Isomalto (E-953), acido citrico monoidrato, aspartame (E-951), giallo chinolina (E-104) (contiene sodio), aroma miele, aroma arancia, olio d i menta piperita, colorante rosso cocciniglia (E-124). Questo farmaco da 3 mg pastiglie e' indicato per il trattamento locale sintomatico del mal di gola acuto negli adulti e nei bambini sopra i 6 anni di eta'. Ipersensibilita' al principio attivo o ad uno qualsiasi degli eccipien ti. Posologia. Adulti e bambini al di sopra dei 6 anni: una pastiglia 3 vo lte al giorno. Non superare i 7 giorni di trattamento. In caso di sint omi persistenti per piu' di 3 giorni o febbre alta, la situazione clin ica deve essere valutata. Popolazione pediatrica: dato il tipo di form a farmaceutica, questo farmaco da 3 mg pastiglie non deve essere sommi nistrato a bambini al di sotto dei 6 anni. Bambini da 6 a 11 anni d'et a' Il prodotto deve essere assunto sotto la supervisione di una person a adulta. Modo di somministrazione: per uso orofaringeo. Sciogliere le ntamente una pastiglia in bocca. Non ingoiare. Non masticare. Questo medicinale non richiede alcuna condizione particolare di conser vazione. Questo farmaco da 3 mg pastiglie non deve essere somministrato a bamib ini al di sotto dei 6 anni. L'uso di benzidamina e' sconsigliato in pa zienti con ipersensibilita' ai salicilati (ad es.l'acido acetilsalicil ico e acido salicilico) o ad altri FANS. Somministrare con cautela in soggetti che soffrono o hanno sofferto in passato di episodi di asma b ronchiale, in quanto in questo tipo di pazienti potrebbero verificarsi fenomeni di broncospasmo. In un numero limitato di pazienti, le ulcer azioni oro-faringee possono essere segno di patologie piu' gravi. Pert anto, nel caso in cui i sintomi dovessero peggiorare o non migliorare o persistere per piu' di tre giorni, o dovessero intervenire febbre o altri sintomi, il paziente deve rivolgersi al proprio medico. Eccipien ti. Aspartame: aspartame ingerito oralmente e' idrolizzato nel tratto gastrointestinale. Fenilalanina e' il principale prodotto della sua id rolisi. Puo' essere dannoso per i pazienti affetti da fenilchetonuria. Isomalto: i pazienti affetti da rari problemi ereditari di intolleran za al fruttosio non devono assumere questo medicinale. Colorante rosso cocciniglia: puo' causare reazioni allergiche. Sodio ( componente del giallo chinolina): questo medicinale contiene meno di 1 mmol (23 mg) di sodio per pastiglia, cioe' essenzialmente "senza sodio". Non sono stati effettuati studi di interazione e non sono state segnal ate interazioni clinicamente rilevanti con altri medicinali. Durante il periodo di utilizzo, per il principio attivo di questo medi cinale sono state piu' frequentemente segnalate reazioni avverse del s istema immunitario e del sistema gastrointestinale. Gli effetti indesi derati sono elencati utilizzando le seguenti scale di frequenza: molto comune (>= 1/10), comune (>= 1/100, < 1/10), non comune (>= 1/1.000, < 1/100), raro (>= 1/10.000, < 1/1.000), molto raro (< 1/10.000), non nota (la frequenza non puo' essere definita sulla base dei dati dispon ibili). Disturbi del sistema immunitario. Non nota: reazione anafillat iche, reazioni da ipersensibilità. Patologie respiratorie, toraciche e mediastiniche. Molto raro: laringospasmo o broncospasmo. Patologie ga strointestinali. Raro: bruciore alla bocca, bocca secca non nota: ipo estesia orale. Patologie della cute e del tessuto sottocutaneo. Non co mune: fotosensibilità molto raro: angioedema. Segnalazione delle reaz ioni avverse sospette. La segnalazione delle reazioni avverse sospette che si verificano dopo l'autorizzazione del medicinale e' importante, in quanto permette un monitoraggio continuo del rapporto beneficio/ri schio del medicinale. Agli operatori sanitari e' richiesto di segnalar e qualsiasi reazione avversa sospetta tramite il sistema nazionale di segnalazione all'indirizzo https://www.aifa.gov.it/content/segnalazion i-reazioni-avverse. Non ci sono dati sufficienti provenienti dall'uso di benzidamina in do nne in gravidanza e allattamento. L'escrezione nel latte materno non e ' stata studiata. Gli studi sugli animali sono insufficienti per evide nziare gli effetti sulla gravidanza e l'allattamento. Il rischio poten ziale per gli esseri umani non e' noto. Questo farmaco da 3 mg pastigl ie non deve essere usato durante la gravidanza e l'allattamento.

€ 5,90

NON DISPONIBILE

Non disponibile

Rimedi stagionali:
Ultime notizie dal blog